Abbigliamento trekking montagna

Immergersi nella natura non è dunque soltanto un modo per mantenersi in forma ma è una vera e propria necessità per ogni essere umano che vuole rimanere in contatto con la parte più profonda di sé, abbigliamento trekking supporta appieno questo pensiero!

Fare escursioni e trekking è senza dubbio un buon modo per ritrovare altri ritmi e per stupirsi delle bellezze che s’incontrano ad ogni passo, ma è bene scegliere sempre un abbigliamento adatto che ci consenta di godere dell’immersione nella natura in piena sicurezza e comodità.

L’indispensabilità dell’abbigliamento Trekking

Muoversi in mezzo alla natura, da sempre, ha richiesto un abbigliamento adatto: non si può vestirsi come in città quando si entra nel magico mondo della natura.

Camminare a lungo su terreni naturali, magari scoscesi, in boschi con una fitta vegetazione attorno, su rocce completamente spoglie, su sentieri immersi nella neve o su strade ghiacciate, richiede comunque un minimo di equipaggiamento.

Non servono molte cose ma un paio di pantaloni che consentano il movimento della gamba in piena libertà, una forte protezione contro il freddo e una buona traspirazione, sono un ottimo esempio di quello che si cerca nell’abbigliamento trekking inverno.

L’abbigliamento trekking estivo avrà ovviamente altre caratteristiche ma saranno sempre indispensabili per chi vuole muoversi in piena sicurezza e comodità.

E’ davvero indispensabile fornirsi di abbigliamento da montagna prima di iniziare la nostra escursione per i sentieri alpini, così come è necessario dotarsi di abbigliamento sportivo tecnico se si vuole correre, ad esempio, in salita su sentieri collinari o per fare dello sci di fondo.

Non si può improvvisare quando si decide di entrare in contatto con la natura perché l’abbigliamento diventa subito un limite: quando si è in città gli abiti sono molto caratterizzati dall’estetica più che dalla loro funzione, quando si fa trekking la funzionalità torna a prendere il sopravvento.

Pantaloni, scarpe, cappello, occhiali, giacca a vento, zaino… tutto è ideato, disegnato e realizzato per svolgere al meglio la propria funzione, per essere un compagno ideale durante il trekking.

Ogni escursionista serio, che si dedichi ad un cammino breve o che si avventuri in un trekking di più giorni, non rinuncerà mai all’abbigliamento tecnico ideale per la propria escursione.

E’ una questione di sicurezza, di comfort, di supporto e di capacità tecniche dell’abbigliamento che va a riflettersi direttamente sulla qualità del trekking.

Noi di Abbigliamentotrekking abbiamo testato le migliori marche da escursionismo acquistabili online e nei negozi specializzati cercando di offrirvi le migliori recensioni sul mondo del trekking e della vita all’aria aperta.

Ogni situazione ha il suo abbigliamento Trekking

Questa tipologia di abbigliamento offre all’utente senz’altro molte sfumature che possono essere determinanti per la scelta del capo più adatto alle proprie esigenze.

Infatti si dividono i vestiti da trekking non solo nelle classiche tre categorie, uomo, donna e bambino, ma anche in base alla stagionalità: inverno, primavera, estate ed autunno.

Le qualità tecniche di un abbigliamento trekking estivo e uno invernale sono simili seppure ci siano delle sostanziali differenze: ad esempio la lunghezza delle maniche nelle maglie e nei pantaloni.

Nelle mezze stagioni, primavera e autunno, si tende a preferire delle combinazioni in grado di passare rapidamente da una situazione all’altra: è infatti molto comune, in autunno ad esempio, iniziare il trekking con una temperatura piuttosto alta per poi ritrovarsi in condizioni ambientali molto più fredde.

In primavera invece accade spesso il contrario, si inizia un “trek” in montagna, ad esempio, con una temperatura molto bassa e ci si ritrova a mezzogiorno circondati da una temperatura estiva.

L’abbigliamento trekking deve dunque andare incontro a tutte queste esigenze e consentire a uomini, donne e bambini di avventurarsi nella natura durante lo svolgimento di tutto l’anno.

Gli irrinunciabili

Se è vero che ogni stagione ed ogni contesto hanno il proprio abbigliamento è pur vero che esistono dei “must have” che quasi ogni trekker ha nel suo armadio.

Parliamo di abiti e accessori che è davvero raro non siano posseduti da un vero appassionato di trekking e spesso fanno parte anche dell’armentario di chi invece ama soltanto campeggiare.

Proponiamo qui di seguito una lista di abiti e accessori che secondo il nostro parere sono da considerarsi irrinunciabili per chi si appassiona per il trekking, con una particolare attenzione alla montagna che senza dubbio è uno degli scenari più popolari in questo ambito.

  • Pantaloni tecnici

  • Scarponi da montagna

  • Maglietta tecnica

  • Maglietta termica

  • Biancheria termica

  • Calzettoni

  • Sandali sportivi

  • Giacca a vento

  • Felpa

  • Maglione

  • Cappello

  • Occhiali da sole

  • Cerotti per vesciche

  • Zaino Trekking

  • Caschetto

  • Imbrago per ferrata

  • Borraccia termica

  • Collo di pile

Con questa attrezzatura si può comodamente affrontare qualunque sentiero di montagna, in inverno ed in estate. Possiamo esser certi che con questa dotazione nell’armadio è possibile affrontare qualunque tipo di cammino.

Troveremo sempre qualcosa di adatto sia che si vada in estate a camminare su rocce a picco sul mare, a far funghi in collina in autunno, in primavera su prati d’alta montagna o in inverno su sentieri tracciati nella dura roccia.

Abbigliamento trekking uomo, donna e bambino

abbigliamento trekking famiglia (1)

Vediamo qui di seguito le caratteristiche principali di alcuni capi d’abbigliamento da trekking seguendo la divisione per genere: uomo, donna e bambino.

Potremo in questo modo andare ad analizzare nello specifico alcuni capi senza per questo dimenticare che ogni caratteristica o pregio si andrà senza dubbio a riflettere sia nella versione uomo, donna e bambino.

Alcune esigenze o caratteristiche tecniche possono variare nelle tre versioni ma sostanzialmente un prodotto da trekking deve comunque offrire lo stesso comfort, la stessa protezione e la stessa durevolezza.

Abbigliamento trekking uomo

L’abbigliamento da trekking per l’uomo è senza dubbio completo e piuttosto variegato nell’offerta di mercato. Le prestazioni di questi abiti sono davvero molto alte sia dal punto di vista tecnico che strutturale.

Tendenzialmente il fisico maschile espone spesso i propri abiti da trekking a trazioni e resistenze maggiori rispetto alle donne e soprattutto ai bambini.

In questi capi quindi sono particolarmente importanti alcuni fattori come la resistenza, la compressione e la traspirazione. Non che queste caratteristiche non siano presenti o tenute nella giusta considerazione per donne e bambini, ma nell’abbigliamento trekking da uomo sono particolarmente sviluppate.

I capi di abbigliamento più popolari per gli uomini in questo ambito particolare sono senza dubbio: pantaloni, maglie a compressione, scarponi.

C’è da dire che ad ogni attività sportiva all’aperto è adatto un abbigliamento tecnico particolare, ed è per questo che bisogna sempre fare attenzione a ciò che si compra e si indossa durante le nostre avventure!

Il pantalone da trekking per uomo, che sia corto o lungo, deve essere realizzato in cotone on in tessuto sintetico traspirante. Si noti bene che questi capi devono essere realizzati per un’asciugatura rapida.

La maglia a compressione è senza dubbio l’ideale per chi vuole trascorrere molto tempo all’aria aperto indossando quella che sembrerà essere una seconda pelle.

Si tratta in questo caso di maglie realizzate con tessuti elasticizzati che sfruttano la compressione senza tuttavia andare ad incidere troppo nella comodità.

Fattore molto importante per le maglie a compressione è senza dubbio anche la traspirabilità garantita da sistemi di areazione ben sviluppati al fine di preservare da cattivi odori.

Per quanto riguarda gli scarponi da trekking non ci sono molte parole da aggiungere ad assolutamente indispensabili. Per fare trekking bisogna camminare e per farlo in sicurezza bisogna essere dotati di scarpe adatte.

Serviranno dunque calzature che sostengano il piede in una postura corretta, che lo proteggano dall’acqua e da eventuali traumi e, soprattutto, che gli consentano di camminare molto senza affaticarsi.

Abbigliamento trekking donna

L’abbigliamento da trekking da donna è presente sul mercato con tantissimi modelli diversi. Anche qui le prestazioni tecniche degli abiti sono senza dubbio di prim’ordine anche se c’è un gusto estetico più raffinato nel design.

Una donna rimane una donna anche quando è in mezzo alla natura e lo stile in qualche modo si deve vedere: nulla di particolarmente raffinato perché nel trekking si bada all’utilità ma qualche dettaglio più curato senza dubbio c’è negli abiti da donna.

Anche in questo caso parliamo di abiti resistenti, facili da lavare e da asciugare, che consentono i movimenti in piena libertà andando a fasciare il corpo pur mantenendo sempre una buona traspirazione.

I capi di abbigliamento da trekking per donna più venduti sono senza dubbio: pantaloni, canotte, scarpe.

I pantaloni sono molto simili a quelli per uomo ma solitamente si presentano nella versione da donna con un taglio più aderente, il che è anche un bene durante le scarpinate: il pantalone più è vicino alla gamba e meno rischio c’è che vada ad impigliarsi da qualche parte.

Le canotte da trekking, particolarmente adatte ai mesi estivi, sono capi d’abbigliamento che consentono una grande libertà dei movimenti e che assicurano molta leggerezza.

Particolarmente apprezzate per i loro colori sgargianti, si dimostrano delle fedelissime compagne di avventura in grado di fare apprezzare tutta la meraviglia di una brezza o dei caldi raggi solari.

Le scarpe da donna non sono certo meno importanti che le scarpe da uomo: anche qui la sicurezza che vanno a garantire contro urti e umidità deve essere alta.

Molto apprezzato anche un certo gusto nel disegno della scarpa che vada ad unire l’estetica alla funzionalità e, soprattutto, alla comodità assoluta.

Abbigliamento trekking bambino

L’abbigliamento da trekking per i bambini non è assolutamente secondo a quello di uomini e donne in quanto a qualità anzi: i piccoli hanno bisogno di più protezione e maggiore libertà.

Portare dei bambini in montagna a sciare, a campeggiare in collina, o a fare sentieri in mezzo alla natura è sempre una grossa impresa: per questo i bambini devono essere preparati e vestiti di tutto punto.

Servono abiti che li proteggano da eventuali piccole cadute, da infortuni di poco conto e che, al contempo, gli consentano tutta la libertà di movimento che un bambino necessita.

Dal punto di vista estetico i bambini hanno bisogno di abiti colorati, allegri e vivaci, tecnicamente perfetti ma che possano lasciare la loro fantasia correre a briglie sciolte.

Tendenzialmente i bambini si sporcano molto è quindi importanti che i loro abiti da trekking siano facilmente lavabili e che si possano asciugare in men che non si dica.

L’abbigliamento da trekking per bambini che va per la maggiore e che assicura ai genitori una certa sicurezza durante la camminata comprende senza dubbio: pantaloni, scarpe e berretto.

I pantaloni, preferibilmente si preferiscono lunghi, in modo da proteggerli da graffi e piccole cadute. Solitamente i modelli sono unisex.

Dal punto di vista tecnico non gli si può dire nulla: sono realizzati con i migliori materiali. Dal punto di vista estetico solitamente vengono creati in una varia gamma di colori accesi.

Le scarpe sono fondamentali, come abbiamo già visto, nel trekking. I bambini camminano e corrono anche nei sentieri e hanno bisogno di un’ottima protezione del piede.

Per farlo serviranno calzature estremamente resistenti e che vadano ad avvolgere il piede come un guanto: solo così i bambini potranno anche giocare in piena serenità.

Il berretto è fondamentale per un bambino che si muove nella natura: lo protegge da eventuali rami, graffi etc etc e gli andrà a coprire la testa quando sarà un po’ più freddo.

Spesso i bambini che fanno trekking avranno la possibilità di giocare magari in spazi aperti e non perderanno l’occasione di sudare a più non posso: un bel berretto realizzato in modo da coprire la testa e farla comunque traspirare si dimostrerà utilissimo.

Abbigliamento da trekking estivo, invernale, primaverile o autunnale

Veniamo adesso ad analizzare le caratteristiche principali dei capi d’abbigliamento da trekking utilizzando un’altra chiave di lettura: la stagionalità.

Proviamo infatti ad analizzare più nel profondo le particolari realizzazioni che le migliori aziende produttrici di abiti per il trekking mettono a disposizione dei loro clienti.

Senza dubbio un abito realizzato per garantire comfort mentre si percorre un sentiero ghiacciato ad alta quota, avrà delle differenze rispetto ad un capo più adatto ad attraversare le colline in fiore d’estate.

Le parole chiave saranno comunque le stesse: protezione, comfort, durevolezza e praticità. Nulla è lasciato al caso nella progettazione degli abiti da trekking siano essi invernali, primaverili, estivi o autunnali.

Abbigliamento trekking invernale

L’abbigliamento da trekking invernale è senza dubbio concepito in maniera più concentrata sul mantenere la temperatura corporea più tiepida possibile. Il freddo è il vero nemico per chi fa trekking in inverno.

I pantaloni solitamente sono realizzati con uno strato interno di pile o di altri materiali capaci di mantenere il calore. La comodità è assoluta e i movimenti non ne vengono in alcun modo ostruiti.

Le maglie termiche sono un ottimo espediente per garantirsi calore anche alle temperature più rigide: sono queste maglie realizzate in particolari materiali che assicurano protezione alla pelle aderendovi alla perfezione.

La maglia termica è però solo lo strato ultimo di un buon abbigliamento invernale da trekking: sopra ad essa serviranno infatti delle maglie di pile o di altri materiali che siano in grado di consentire traspirazione e mantenere il calore.

Immancabile la presenza di una giacca a vento capace di coprire l’ultimo strato, quello esterno, e di proteggerci dallo sferzare di vento ed intemperie. Spesso queste giacche hanno anche trattamenti antipioggia o vanno accompagnate da ulteriori giacche che svolgeranno questa funzione.

Di fondamentale importanza anche il cappello invernale capace di proteggere la testa dalle intemperie e dall’umidità. Realizzati nei migliori materiali a disposizione garantiscono di mantenere la testa al caldo e all’asciutto.

Le calzature! Qui la tecnologia negli ultimi ha dato il meglio di sé: scarponi capaci di mantenere il piede caldo e asciutto anche nei climi più rigidi senza per questo rinunciare ad una giusta elasticità di movimenti e comfort.

Realizzate nei migliori materiali queste calzature avvolgono il piede proteggendolo da eventuali urti e consentono un grip importante anche sui terreni più difficoltosi e accidentati.

Abbigliamento trekking estivo

In estate tutto è più semplice è vero ma fare trekking richiede comunque un abbigliamento consono. Seppure si viaggi più leggeri serviranno comunque zaini e borracce e i vestiti dovranno essere adeguati alle temperature e al tipo di percorso.

I pantaloni possono essere anche corti, anche se sono sempre preferibili quelli lunghi, ma qualunque lunghezza si scelga è importante che siano realizzati con materiale leggero, traspirante e resistente.

Con pantaloni estivi lunghi da trekking non si sentirà il calore e la pelle sarà continuamente rinfrescata dal sistema di traspirazione. Non vi sono infatti strati interni come nel caso dei pantaloni invernali.

Alle maglie termiche sono forse preferibili delle maglie a manica corta o delle canotte che doneranno grande facilità di movimento e altissima traspirabilità.

Senza dubbio si può optare anche per maglie a manica lunga aderenti, magari a compressione, realizzate appositamente per l’estate che garantiscono comunque una freschezza assoluta.

Le scarpe per il trekking estivo sono senza dubbio più leggere ma non fanno mai mancare la protezione e il sostegno per il piede. In estate solitamente si riescono a fare marce più lunghe ed una buona scarpa deve consentire di arrivare a sera senza avere ferite ai piedi.

Un accessorio che in estate si dimostra davvero indispensabile, anche se in molte occasioni è molto utile durante tutto l’anno, sono gli occhiali da sole.

Questo strumento è d’obbligo sia in montagna che al mare: gli effetti dei raggi UV li conosciamo tutti ed è importante avere una buona visibilità in tutti i frangenti.

Oltre agli occhiali da sole sarebbe bene proteggersi la testa anche con un cappello estivo, in grado di proteggerci da insolazioni, anche in zona collo, lasciando comunque traspirare la pelle.

Abbigliamento trekking primaverile e autunnale

L’abbigliamento trekking primaverile e autunnale si assomiglia un poco. In queste mezze stagioni infatti si va a ricercare un buon compromesso tra le due stagioni più estreme: inverno ed estate.

Si cercano dunque abiti in grado di offrire una maggiore versatilità e adattabilità alla situazione climatica che può cambiare sensibilmente nel trascorrere delle ore.

Quando la primavera non è molto inoltrata o l’autunno comincia ad essere nella sua fase finale, sarà meglio optare per le calzature invernali da trekking.

Forse si rinuncerà ad un poco di leggerezza ma senza dubbio si sarà preparati a tutto con le calzature invernali ai piedi. Si potrà invece optare per il pantalone estivo lungo con una maglia termica ed una maglia di pile sempre a portata di mano.

La giacca a vento, o la giacca antipioggia, in queste stagioni intermedie è sempre suggerita a meno che non si abbia la certezza assoluta di un clima particolarmente mite.

In queste stagioni l’idea di fondo è quella di essere pronti a tutto cercando di non caricarsi di troppo peso, si andrà ad utilizzare quindi l’antica tecnica detta “a cipolla”.

Ovvero si indosseranno indumenti che si andranno a togliere durante la camminata quando si sentirà caldo e si riandranno ad indossare, eventualmente, se la temperatura scenderà.

Per questo le maglie termiche e la maglia di pile sono un vero e proprio toccasana: si può scarpinare indossando solo la maglia termica ma il pile e la giacca a vento saranno sempre pronti in caso di cambio improvviso di temperatura.

Abbigliamento trekking: marche

Andiamo qui di seguito ad elencare una serie di marchi produttori di abbigliamento da trekking che hanno riscosso particolare successo in questi ultimi anni.

Il nostro scopo è quello di segnalare al lettore delle case produttrici affidabili che realizzano abbigliamento con tecniche costruttive all’avanguardia e che sono in grado di rispettare standard qualitativi davvero alti.

Ognuno di questi marchi offre ai suoi clienti buona parte dell’abbigliamento necessario per il trekking ma abbiamo voluto scegliere in questa nostra ricerca i migliori marchi sul mercato dell’abbigliamento da trekking in base ai principali capi di vestiario.

Per i pantaloni i migliori marchi sono:

  • Salewa

  • Ultrasport On Trail

  • CMP

  • Sidiou Group

  • BWBIKE

  • HAINES.

  • Izas Aletch

Per le scarpe invece si distinguono particolarmente i seguenti marchi:

  • Salomon

  • Garmont

  • Merrell

  • The North Face

  • La Sportiva

  • Aku

  • Salewa

  • Lowa

  • Hoka One One

  • Columbia

Per quanto riguarda le maglie termiche e non, in grado di adattarsi a tutte le stagioni, si sono distinti i seguenti marchi:

  • Salewa

  • The North Face

  • Columbia

  • Under Armour

  • Devold

  • La Sportiva

  • Liod

Senza dubbio alcuno le migliori giacche da trekking sono prodotte da questi marchi:

  • The North Face

  • Salewa

  • Geographical Norway

  • Quechua

  • Columbia

  • Salomon

Per un irrinunciabile strumento come lo zaino da trekking i marchi che maggiormente si sono fatti onore sul campo sono:

  • Deuter

  • Osprey

  • Ferrino

  • Gregory Packs

  • Lowe Alpine

  • The North Face

  • Teton Sports

  • Patagonia

  • Salomon

  • Arc’teryx

Benefici, consigli e accortezze quando si fa trekking

Escursione, trekking, camminata all’aria aperta, hiking sono le parole principali che descrivono il blog di abbigliamentotrekking, nato per consigliare gli appassionati come me il miglior equipaggiamento per le nostre escursioni. Chi di noi non sogna di fare un viaggio backpacking stile Into The Wild?

Ma quali sono le accortezze da prendere quando si fa trekking in sentieri mai fatti o mai battuti da altri trekker?

1. Seguirei sentieri: evitate di allontanarvi dai sentieri, rimanete sempre concentrati sul percorso, potreste perdere l’orientamento facilmente, tranquilli, succede anche ai trekker con più esperienza! Sono centinaia i casi in Italia di escursionisti che si perdono ogni anno e passano la notte all’addiaccio.
2. Mai fare escursioni da soli: anche se siete esperti e conoscete quei sentieri come le vostre tasche, è meglio ridurre i pericoli, l’imprevisto è in agguato e da soli è difficile gestire queste criticità.
3. Idratati: Integrare i liquidi persi durante il trekking è fondamentale, portate sempre l’acqua e bevete il più possibile, soprattutto quando fa caldo.
4. Abbigliamento essenziale: non caricate lo zaino di attrezzatura inutile, solo l’indispensabile in modo da non appesantirvi durante la camminata.
5. Scarpe da trekking adatte: la scelta delle scarpe è molto importante, ogni scarpone da trekking è adatto a differenti percorsi.
6. Rispettate la natura: siate impavidi ma non spavaldi, essere troppo sicuri di se quando si percorrono dei percorsi potrebbe causarci guai seri. Abbiate sempre rispetto e ponderate ogni passo.

trekking nel montiferru

Il massiccio del Montiferru nel territorio di Cuglieri OR).

Quali sono i benefici di fare trekking?

Alcuni studi dicono che fare trekking o attività all’aria aperta in generale aumenti la creatività,provare per credere!
Il trekking tonifica i muscoli, previene malattie cardiovascolari e migliora notevolmente l’umore.
1. La tua palestra è all’aria aperta: sei stanco di pagare mesi e mesi di abbonamenti nelle palestre della tua città e non sei fatto per il body building o il functional? Perfetto, usa la natura come palestra, un’escursione di un ora ti permette di bruciare in media 500 calorie!
2. Tonifica i muscoli: Camminare e magari fare nordic walking tonifica tutti i muscoli del corpo
3. Diminuisce pressione arteriosa: Fare trekking o camminare costantemente riduce la pressione e il colesterolo, prevenendo così le malattie cardiovascolari
4.Previene il diabete: Camminare diminuisce i valori di glucosio nel sangue, prevenendo il diabete.
5. Anti depressivo naturale: fare trekking all’aria aperta immersi n panorami mozzafiato aiuta a tenere alto l’umore, aiutando l’individuo a superare la depressione, non lo dico io naturalmente ma degli studi scientifici!

trekking Montiferru Sardegna

Consigli utili per i principianti.

1. Gradualità: mai strafare, sopratutto se si è alle prime armi, iniziate con qualcosa di facile per poi aumentare il livello di difficoltà. Evitate di avventurarvi in percorsi difficili che potrebbero farvi perdere la magia di questa bellissima attività sportiva e soprattutto potrebbero farvi passare i giorni successivi con dei forti dolori muscolari!
2. Costanza: evitate di fare un’unica grande escursione ogni tanto ma provate ad esercitarvi il più possibile quando potete, lasciate l’auto a casa e iniziate a girare per la vostra città a piedi.
3. Il passo: iniziate con un passo lento, respirate e aumentate gradualmente, fino a ridurlo quando siete affannati.
4. Acqua: fermatevi sempre per reidratarvi con un po d’acqua o bevanda adatta per la reintegrazione dei sali minerali.

abbigliamento trekking

Montiferru – Cuglieri

Pronti per partire, carichi come sempre ma siete ancora indecisi su cosa mangiare durante un’escursione in montagna, niente panico, in questo articolo ti spiegheremo cos’è meglio portarsi dietro e quali cibi e bevande è meglio consumare.

Cosa mangiare durante un’escursione in montagna?

Alcuni consigli facili

Se siete alle prime armi con il trekking e decidete di fare una semplice camminata in montagna è molto importante idratarsi, soprattutto se si va in quota o al freddo dove ci si disidrata prima.
I liquidi da assumere si possono bere sotto forma di acqua, come di solito faccio per escursioni facili facili, infusi, tè o acqua e integratori di sali minerali.

I liquidi necessari da integrare variano da persona a persona, dipende dal sesso, età, massa muscolare, grado di allenamento e peso naturalmente.

Ma visto che in media si consumano dalle 250 a 500 calorie è meglio calcolare il nostro fabbisogno energetico.
Gli alimenti devono essere leggeri e digeribili, evitiamo il classico panino con la mortadella, capisco che è difficile resistere al suo profumo ma facciamo uno sforzo, almeno in queste occasioni!

Alimenti leggeri, digeribili, ricchi di sali minerali e antiossidanti, preferibilmente frutta e verdura di stagione, mele agrumi, frutti di bosco, mandorle o noci.

Partite sempre a stomaco pieno, MAI avventurarsi per i boschi senza aver fatto un’adeguata colazione.
Anche in questo caso preferite una tazza di tè, caffè o un vasetto i yogurt. Un po di frutta secca oppure preparate degli ottimi pancake proteici.

Una buona colazione trekking: i nostri ingredienti preferiti

Sceglier il tipo di colazione da fare prima di un’escursione è molto importante, ma allora cosa è meglio mangiare? Dipende.

Dipende cosa vuole il tuo corpo al mattino, dipende dalle condizioni meteo, dal percorso che devi affrontare, dal peso che vuoi portarti e dai gusti personali di ognuno di noi.

Carboidrati e acqua al mattino sono per me indispensabili quindi se devo affrontare una camminata primaverile o estiva cerco di mangiare 400 calorie di muesli, meglio se fatto in casa un po di frutta secca e un bel bicchiere di acqua fresca con qualche goccia di succo di limone.

In inverno invece, quando fuori fa freddo, preferisco muesli con latte di mandorla tiepido, qualche noce e un bel caffe.

I nostri integratori multivitaminici e di sali minerali preferiti